San Sebastiano al Vesuvio: auguri di buon anno dal consigliere Gennaro Manzo.

This post has already been read 1899 times!

Share Button

One Response to San Sebastiano al Vesuvio: auguri di buon anno dal consigliere Gennaro Manzo.

  1. Umberto vastarini says:

    Lettera aperta per gli Auguri di Felice Anno Nuovo al Mio e Nostro Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo ed ai Miei carissimi Amici Concittadini.

    Miei carissimi Amici Concittadini, questo video mi offre l’ occasione, graditissima, di poter accomunare i miei personali Auguri al Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo.

    Miei Carissimi Amici, purtoppo questo anno, da pochi giorni terminato, ci ha portato parecchie, spiacevoli, novità.
    Forse temendo il giusto rimbrotto da parte di quelle centinaia di Cittadini che gli hanno dato, l’ improvvida, possibilità di poter sedere sui cadreghini dai quali lanciare strali contro la dissennata politica economica di questa (dis)amministrazione, che sta depauperando, in modo abnorme le tasche di Noi Cittadini.
    Appunto oberati da sempre nuovi aumemnti di tasse che dovrebbero incrementare le casse del Comune, non ci è stato, ancora, detto a quali scopi possano servire i soldi pagati da Noi Cittadini.
    Interpellata, la (dis)amministrazione eerge un muro di assoluto mutismo.
    Siamo certi che per l’ erezione di questo muro, gli ex consiglieri di opposizione, han ritenuto più……. opportuno ” traslocare ” dal campo dell’ opposizione, a quello della maggioranza.
    Costoro rispondono ai nomi di Muccio Antonio e signora Palumbo Corinne.
    Cosa e perchè abbia dato origine a codesto ” trasloco ” non è dato sapere.
    Ah, sì!!!!! Un tentativo di ” spiegazione ” ce lo offre lo stesso Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo.
    La ” spiegazione ” offerta, mi si consenta il definirla come ” assolutamente risibile “, sarebbe il modo di ” fare politica ” portato avanti, nel corso dell’ ultima legislatura, dal Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo.
    Beh … beh….. egregio ed esimio signor Muccio Antonio, mi consenta di portare alla sua memoria ben due, diconsi DUE, episodi che lasciarono interdetti, quanto inorriditi e colmi di domande, purtoppo senza alcuna risposta Noi Cittadini che assistevamo ai lavori di quel consiglio comunale.
    E Miei Carissimi Concittadini consentitemi di riportarli alla Vostra memoria.
    Nel primo di quei due episodi, di evidente dubbio gusto, si vide l’ allora sindaco Capasso Giuseppe, lanciarsi, LETTERALMENTE contro il principale esponente dell’ opposizione: il Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo, cercando, inopinatamente, addirittura LO SCONTRO FISICO !!!!!!!!!!!! Credetemi, Miei Carissimi Concittadini, fu proprio il triste ” spettacolo ” che diede il sindaco Capasso Giuseppe. E fu proprio unmiracolo che non giungessero alle mani. Magari magari, fu la presenza fisica di coloro che sedevano fra i due.
    Di grazia, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, lei definirebbe ” anomalo ” il modo di fare politica dell’ allora suo sodale nei ranghi dell’ opposizione? Di grazia, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, a suo legittimissimo parere, sarebbe ancora in grado di non definire, almeno ” risibile ” la sua ragione di cambiare cadreghino?
    E almeno, in quello scontro …. mancato si trattava, al limte di UNO CONTRO UNO. Nel secondo dei due episodi, mi si consenta di riportarlo alla memoria dei Miei Carissimi Amici Concittadini, invece di UNO CONTRO UNO, lo scontro, anch’ esso mancato, RIGUARDO’ BEN DUE, DICONSI DUE ELEMENTI DELLA MAGGIORANZA CHE CI (s)governava, NELLE PERSONE DEL VICE SINDACO Sannino Salvatore ( nome omen ) CONTRO COLUI IL QUALE AVEVA OSATO, UDITE UDITE, OPPORSI A QUANTO LA STESA maggioranza TRAMAVA CONTRO I PIU’ CHE SEMPLICI DIRITTI DI TUTTI I CITTADINI. Compreso lei, egregio ed esimio signor Muccio Antonio. Mi consenta di riportare alla sua memoria, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, LA SUA ASSOLUTA ABULIA DALL’ INERVENIRE IN DIFESA DI COLUI CHE LE AVEVA CONSENTITO DI SEDERE SU QUEL CADREGHINO, DAL QUALE NON UN SOL FIATO, NE’ UNA SOLA MOSSA PROVENNE IN DIFESA DEL MIO E NOSTRO CARISSIMO AMICO CONSIGLIERE SIGNOR GENNARO MANZO.
    In quella precisa occasione, i ” contendenti ” messi in campo dalla maggioranza furono i sigg. Sannino Salvatore ( nomen omen ) e Panico Giuseppe. Rispettivamente: vice sindaco ed ex assessore alla n.u.
    O forse quel tentativo di ” difesa “, messa in campo dal Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo la turbò tanto, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, ripeto, la turbò tanto da farla riflettere, in tempo debito ed opportuno, di doversi allontanare dal suo ex sodale?
    Non le sembra …. ” strano “, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, il momento in cui lei abbia deciso di… ” allontanarsi “, come lei stesso denuncia da ” quel ” modo, così poco consono di fare politica, da parte del Mio e Nostro Carissimo Amico Consigliere Signor Gennaro Manzo ?
    A detta, non solo mia, ma ANCHE e forse SOPRATTUTTO DI DECINA, SE NON CENTINAIA, di coloro i quali, improvvidamente le hanno concesso l’ onore del loro voto. E non le nascondo come e quanto mi senta in difficoltà quando, appunto centinaia di codesti Cittadini mi pongono la semplce domanda ” Capitano, ma chi mi avete consigliato di votare? ” E sono centinaia le volte in cui mi tocca rispondere ” Non lo conoscevo così ”
    Allora, egregio ed esimio signor Muccio Antonio, non crede, lei, di aver gabbato la fiducia di quelle centinaia di Cittadini? Davvero davvero vorrebe sentirsi ” offeso ” se quelle centinaia di Cittadini, incontrandola per strada, volgessero il capo dalla parte opposta da quella si troverebbe lei? E mi si consenta il dire che è la stessa situazione in cui si trova, per noi Cittadini, la stessa signora Palumbo Corinne, sua sodale nella decisone di abbandonare la lista in cui siete stati eletti per andare ad occupare un eventuale cadreghino nella maggioranza.
    Vedete, egregi ed esimi sigg. Muccio Antonio e Palumbo Corinne, ciò che NON vedrete MAI che accada sarà il seguire il vostro esempio.
    NON CI VEDRETE MAI POSIZIONARCI COME ZERBINI AD USO E CONSUMO DI CHI CI STRAVOLGE LA VITA. Coadiuvati in questo ” azzerbinarsi ” da voi due.
    LE PAROLE CHE CONCLUDONO QUESTO VIDEO, SONO E RESTERANNO, LAPIDARIE.
    IL MIO E NOSTRO CARISSIMO AMICO CONSIGLIERE SIGNOR GENNARO MANZO CONCLUDE DICENDO CHE ” IO NON SCENDERO’ MAI A COMPROMESSI “. LUI NON SI FARA’ MAI ” AZZERBINARE ” DA CHICCHESSIA. E NOI CHE LO SEGUIAMO E LO SEGUIREMO SEMPRE NELLA SUA LOTTA IN DIFESA DEI DIRITTI DEI CITTADINI DI QUESTA CITTADINA SAREMO ACCANTO A LUI NEL NON FARCI ” AZZERBINARE “. COSTI QUEL CHE COSTI!!!

    Ed ora, mi si consenta di aprire un’ altra triste pagina sulla nostra vita quotidiana. Vita condotta in una Cittadina vissuta al limite dell’ impossibile.
    Personalmente stiamo vivendo, la mia famiglia ed io, una tristissima esperienza. Un’ esperienza che ci porta alla memoria un tristissimo periodo della storia dell’ umanità. Mi riferisco a quanto sta accadendo, in questa Cittadina, così mal (dis)amministrata. Mi chiedo e ci chiediamo, moltissimi di noi, con quale e secondo quale diritto veniamo esposti, a qualunque ora del giorno e, in special modo,la notte a ritrovarci a respirare un’ aria assolutamente insalubre e mefitica. Aria ” degna ” di quell’ aria, che inermi esseri umani erano costretti a respirare nei campi di contramento nazisti, gli inermi milioni di ebrei.
    Di grazia, sigg, assessori e consiglieri di maggioranza, a cosa dobbiamo questo DUBBIO onore? E voi due, novelli consiglieri di maggioranza, sigg. Muccio Antonio e Palumbo Corinne, siete ancora d’ accordo con questo tentativo di genocidio? Naturalmente, non ricevendo debita risposta dal (dis)amministrazione, ho creduto opportuno, sbagliando interlocutori, rivolgermi alla Chiesa ed ai Suoi rappresentanti.
    Vedete, egregi ed esimi Parroci sigg. Padre Enzo e Padre Gaetano c’ è qualcosa che non mi torna nei vostri atteggiamenti.
    C’ è ” Qualcuno ” che vi ha portati a prendeervi cura dei vostri parrocchiani. e, addirittura, per farvi meglio notare, vi ha detto di indossare un abito: L’ ABITO TALARE, che ci dia modo di distinguervi dagli altri. Indossando ” quell’ ” abito voi vi siete preso l’ impegno di aiutare oloro che vi furono afidati, nella cura delle loro anime eterne. Non tralasciando, però, tutto quanto fosse nelle vostre possibilità per la cura della salute degli stessi. Personalmente ho chiesto il vostro aiuto per quanto sta accadendo in questo ultimo periodo. Centinaia, migliaia di esseri umani stanno soffrendo per la tracotanza di pochi. Tracotanza protetta da autorizzazioni date con troppa facilità dai nostri (dis)amministratori. E il tutto scorre davanti ai vostri occhi!!!! Il tutto resta inascoltato da chi, VOI DUE, dovrebbe fare tutto il possibile, se non l’ impossibile affinchè la salute dei vostri assistiti. Non è certo questo che vi ha detto di fare CHI, sopra di tutti, vi dato la facoltà di indossare ” quegli ” abiti: GLI ABITI TALARI !!!!! Abiti che, mi ripeto, indossati da voi, vi farebbero come diga insuperabile per aiutare:
    i più umili
    i più indifesi: i nostri stessi bambini, neonati principamente inclusi;
    coloro i quali credono nella vostra azione di difesa.
    Via, sigg. Parroci, davvero davvero credete che con la vostra assoluta inazione in merito facciate quello che LUI vi ha dato incarico di fare?
    Se anche voi tacete; se anche voi ci girate le spalle; se anche voi restate ” indifferenti ” alle nostre richieste di aiuto, di grazia, vorreste indicarci a chi dobbiamo rivolgerci?
    La situazione, ormai, ha raggiunto situazioni aberranti, quanto insostenibili. Conosco di intere famiglie di nostri Concittadini che son dovute abbandonare questa straziata Cittadina, pur di provarsi a slvaguardare la salute FISICA dei loro Cari.
    Il tutto davanti agli occhi indifferenti di coloro preposti alla salvaguardia della loro stessa salute e dei loro Cari. Tutto questo NON sembra interessare chi di dovere. Se poi, addirittura, ci troviamo a sbattere contro l’ indifferenza di coloro i quali, forse ancor di più preposti alla nostra salute e fisica e dell’ anima, allora la partita la possiamo pure chiudere…….
    Verrebbe da indicare anche voi come coloro ai quali è inutile rivolgersi.
    I vostri occhi, la vostra attenzione sono preclusi alle necessità dei vostri …. ” assistiti “. Peccato, sig. Padre Enzo e sig. Padre Gaetano. Molti, se non tutti avevamo fiducia in un vostro provvido intervento.
    Anche voi, al pari dei sigg. Muccio Antonio e Palumbo Corinne ci avete girato le spalle. Lasciandoci soli in balia di chi con perseveranza si impegna a far sì che le nostre anime raggiungano al più presto quelle dei nostri Cari estinti.
    Cos’ altro aggiungere ed accomunando i miei più fervidi auguri perchè l’ anno in cordo possa portarci quella stessa salute fisica che in tanti si stanno prendendo ” cura ” di annientarcela. Disennatamente.
    Di nuovo Auguri, Miei Carissimi COncittadini, dal sempre Vostro
    Capitano Umberto vastarini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>